Personal Branding on Facebook: Tips & Tricks

Personal Branding on Facebook: Tips & Tricks

Premessa

Oggi nel definire il tuo marchio personale, uno dei passaggi irrinunciabili è creare la tua identità online; un’identità funzionale al target di riferimento e agli obiettivi che vuoi raggiungere. I social network rappresentano una grande opportunità per entrare in contatto, in modo diretto ed immediato, con i tuoi interlocutori ed affermare il tuo personal brand digitale.

In particolare, Facebook, il social network più utilizzato al mondo, offre interessanti opportunità per chi non vuole mostrarsi solo come professionista ma presentarsi anche come persona.

Ma perché Facebook rappresenta lo strumento ideale per promuovere il tuo marchio personale?

Facebook come strumento di Personal Branding

È difficile ignorare il potere di Facebook come strumento di Personal Branding e non solo perché è fra i social network più popolari, ma anche perché è ben progettato per condividere diverse tipologie di informazioni (parole, foto, video, collegamenti a siti Web e altro ancora) che aiutano a raccontare la tua storia in modi che contemporaneamente informano e intrattengono il tuo pubblico, coinvolgendolo.

Ma, come ben sai, Facebook propone due diverse soluzioni per intercettare i tuoi interlocutori: i Profili personali e le Pagine. È importante, quindi, capire, a seconda dell’obiettivo che vuoi raggiungere, quale sia la più funzionale, oppure se vale la pena utilizzare entrambe.

Per scegliere la soluzione più performante bisogna prima fare un passo indietro ed individuare le principali differenze tra profilo personale e pagina Facebook:

  1. Un profilo Facebook è un account personale. Utilizzando il tuo profilo puoi aggiungere amici e familiari, comunicare a livello personale e condividere foto, video e aggiornamenti sulla vita. Tutti coloro che si uniscono a Facebook ottengono un profilo e puoi averne solo uno a tuo nome.
  2. Una pagina Facebook, invece, è un account che rappresenta la tua azienda, il tuo marchio o il tuo prodotto. Questa soluzione consente ad aziende e imprenditori di promuovere i propri contenuti ai follower che hanno messo “Mi piace” alla pagina. Non c’è limite al numero di pagine che puoi gestire.

Ma analizziamo nel dettaglio pro e contro di entrambe.

Profili personali

Pro

Possibilità di aderire ai Gruppi

Usando il tuo Profilo personale, puoi unirti ai Gruppi e parlare con persone interessate ai tuoi stessi argomenti ed interagire con i tuoi potenziali clienti.

Più visibilità dagli amici

L’algoritmo di Facebook, che stravolge le regole del NewsFeed privilegiando i contenuti di amici e parenti e penalizzando quelli di marchi, aziende e media, rende i post pubblicati su un Profilo personale molto più visibili alla cerchia di amici rispetto a quelli pubblicati da una Pagina e messi a disposizione dei propri follower.

Contro

Uso non commerciale

I Profili personali sono per uso non commerciale e rappresentano singole persone. Questo è importante da valutare quando si decide di utilizzare una Pagina o un Profilo per sponsorizzare il proprio marchio personale. Se utilizzi il tuo Profilo per condividere contenuti a scopo di lucro o non utilizzando il nome di una persona, Facebook può eliminarlo.

Pubblicità

Con un Profilo personale non hai la possibilità di sponsorizzare i tuoi contenuti; inoltre, a causa del limite di amicizie che Facebook impone – 5.000 contatti –  il pubblico da intercettare risulta piuttosto limitato.

No Analytics

Se desideri visualizzare dati analitici sulle performance dei tuoi contenuti e sulle azioni che compie il tuo target sui tuoi canali, allora il Profilo personale non fa al caso tuo. Per un account personale, infatti, gli Analytics non sono disponibili.

Vita privata

Un altro aspetto negativo di utilizzare la tua Pagina personale per scopi professionali è l’inevitabile condivisione di contenuti strettamente personali in un Feed visibile anche a contatti che non appartengono alla tua cerchia di amici. Dovrai fare attenzione ai post in cui vieni taggato, al linguaggio che usi, alle idee che condividi. Insomma, uno stress di cui puoi fare a meno semplicemente attivando una Pagina dedicata al tuo marchio personale. 

Pagine

Pro

Meno impegno

Per stabilire una connessione, i Profili personali impongono di inviare una richiesta di amicizia, il che può rappresentare un problema dato che, spesso, le persone sono titubanti nel premere “accetta” se non ti conoscono già. Le Pagine, invece, richiedono solo un “mi piace” per iniziare una relazione con un fan, un cliente fidelizzato o potenziale.

Advertising e misurazione

Con le Pagine, è possibile pianificare post con un anticipo fino a sei mesi. Ciò semplifica la calendarizzazione dei contenuti e la manutenzione del tuo feed.

Contro

Copertura organica bassa

Solo una piccola parte dei fan visualizzerà i tuoi contenuti a meno che non diventino virali o vengano sponsorizzati. Ciò può rendere difficile far crescere organicamente la tua fanbase.

Al netto degli aspetti positivi e negativi analizzati, i Profili e le Pagine sembrano abbastanza simili e, grazie alle recenti modifiche effettuate da Facebook, anche le Pagine sono ora in grado di comunicare attraverso chat dirette, a differenza del Profilo però, a dare il via alla conversazione deve essere necessariamente un utente. 

Ma, poiché Facebook consente di avere un Profilo e una Pagina, utilizzare entrambi non è affatto una cattiva idea. Puoi, infatti, adoperare il tuo Profilo personale per unirti a gruppi e comunicare con persone a un livello più personale, quindi indirizzarli alla tua Pagina, dove puoi mantenerli aggiornati sulla tua attività.

Tips & Tricks

Che tu sia un imprenditore affermato o un neolaureato alle prime armi ecco 15 consigli e trucchetti per sfruttare il potenziale di Facebook nella promozione del tuo marchio personale.

# 1 Definisci te stesso

Prova a capire cosa rappresenta il tuo marchio personale. Per fare questo, devi conoscere te stesso o scoprire cosa vuoi essere. L’importante è pianificare in anticipo. Non dovrebbero esserci incongruenze tra ciò che sei e ciò che rappresenti, la tua storia deve essere coerente. Devi pensare a come gli altri reagiranno al tuo marchio. 

# 2 Compila il tuo profilo in maniera dettagliata

Facebook è un’ottima piattaforma in cui puoi raccontare chi sei e cosa fai.

Quando compili i campi informativi non limitarti a inserire il tuo percorso di studi e la tua posizione lavorativa ma concentrarti sulle sezioni istruzione e lavoro assicurandoti di utilizzare un linguaggio ampiamente descrittivo e accattivante. 

# 3 Collega la tua pagina Facebook al tuo blog o ad altri profili social

In questo modo puoi aumentare l’interesse per te stesso e per quello che fai. Più persone visitano il tuo blog o leggono i tuoi contenuti, più forte sarà il tuo marchio personale. Se qualcosa non si adatta alla tua brand identity, non collegarla. 

Assicurati, perciò, di non utilizzare lo stesso nome utente o indirizzo e-mail per quegli account che non soddisfano le tue esigenze di personal branding.

# 4 Scegli i tuoi amici con attenzione

No, non è la solita raccomandazione che farebbe ogni genitore, ma è un ottimo consiglio per costruire una rete forte. Se decidi di utilizzare il tuo Profilo personale per le attività di Personal Branding devi scegliere con chi condividere le tue informazioni e chi può visualizzarle. Se stai cercando di sviluppare il tuo marchio personale, dovresti concentrarti sull’interazione con le persone per le quali stai costruendo quel marchio: il tuo capo, i colleghi, un futuro collaboratore e simili.

# 5 Modifica le impostazioni sulla privacy

Se sei seriamente intenzionato a fare Personal Branding, devi filtrare le informazioni e i contenuti che pubblichi su Facebook. 

A seconda dei desideri e / o delle preferenze, è possibile limitare le informazioni visualizzate sul proprio Profilo a determinati Gruppi o consentire ad altre persone che non sono amici di Facebook di accedervi. Se vuoi attirare più connessioni sarebbe il caso di rendere alcune informazioni accessibili a tutti. 

Tuttavia, non dovresti mai rivelare troppe informazioni personali. Assicurati quindi di impostare le giuste limitazioni della privacy.

# 6 Disattiva l'opzione di tagging per le immagini

In questo modo, ti proteggerai da spam, attacchi malevoli o persino buoni amici a cui non interessa la loro presenza su Internet. Eviterai così la spiacevole sorpresa di rendere visibile a tutti foto imbarazzanti delle cene fra amici o di qualche goliardia commessa in passato.

# 7 Decidi una strategia

Sì, dovresti avere una strategia di branding. 

Devi analizzare il modo in cui il tuo marchio personale è percepito dal tuo target obiettivo e pensare a come puoi agganciare altri potenziali interlocutori. Stabilisci un piano su base giornaliera e mensile per coinvolgere il tuo pubblico.

# 8 Crea contenuti di qualità

È impossibile riuscire a produrre costantemente contenuti preziosi per la tua rete. A volte ti capiterà di avere preziosi consigli originali da condividere con il tuo pubblico, altre ti toccherà menzionare l’ottimo lavoro di colleghi o famosi guru di settore. Per questo, hai bisogno di un content curator.

Scegli strumenti come Feedly, Postpickr e Pocket. Usali per aiutarti a individuare contenuti interessanti e coinvolgenti.

# 9 Scegli il giusto timing

Uno studio BuzzSumo ha offerto ai marketer digitali alcuni risultati sorprendenti: gli aggiornamenti di stato ricevono il massimo coinvolgimento quando pubblicati nei fine settimana. Secondo la ricerca, la domenica è il giorno migliore per pubblicare, con 401.75 interazioni. Segue sabato, con 365.3 interazioni.

Il motivo non è troppo difficile da capire: le persone hanno più tempo libero nei fine settimana e dedicano un bel po ‘di quel tempo ai social media. Ma non finisce qui: BuzzSumo, infatti, ha anche scoperto che gli aggiornamenti pubblicati tra le 21:00 e le 23:00 registrano una performance migliore.

# 10 Usa elementi visivi

Uno dei più grandi successi nell’era dell’informazione risiede nella facilità con cui è possibile condividere online immagini e video

Se sei interessato a promuovere il tuo marchio personale su Facebook, assicurati di utilizzare formati multimediali ed interattivi . A differenza dei semplici aggiornamenti di testo, infatti, foto e video registrano fra gli utenti un maggiore coinvolgimento.

# 11 Usa titoli che attirano l'attenzione

Ogni volta che condividi un link su Facebook hai la possibilità di “dire qualcosa” su quel collegamento. Molte persone lasciano questo campo vuoto, pensando che il titolo del contenuto dica tutto da sé.

In realtà non è così: è più probabile aumentare il ​​coinvolgimento del pubblico se scrivi qualcosa che fa appello alla sua curiosità, anche se il link ha già un titolo potente.

# 12 Fai networking

Più connessioni significano maggior pubblico intercettato. Se alle persone piacciono i tuoi contenuti, li condivideranno nelle loro pagine. Questo flusso accrescerà la tua Brand Awareness ed aumenterà la tua Reputation.

Perciò, quello che devi fare è aumentare le tue connessioni interagendo con i tuoi “amici” su base regolare attraverso un approccio personale e rendendo il tuo marchio più accattivante e distinto.

# 13 Pubblica aggiornamenti

Consenti alla tua rete di essere consapevole dei tuoi pensieri, delle cose a cui tieni, delle opinioni che hai sugli eventi attuali. Pubblica articoli che riportino il messaggio che desideri veicolare. 

L’aggiornamento regolare dei contenuti dimostra che sei attivo nel tuo settore e in grado di fornire preziose informazioni specialistiche. Inoltre, una forte presenza sul tuo profilo personale o sulla tua Pagina è utile a costruire relazioni basate su interazioni coerenti ed aiuta ad aumentare il visibilità fondamentale per attirare potenziali clienti.

# 14 Usa gli eventi di Facebook a tuo vantaggio

Puoi promuovere un evento di settore o un raduno tra colleghi. 

Apri l’evento a tutti gli interessati per attirare nuove persone nella tua cerchia di conoscenze. Dopo aver impostato l’evento, continua a interagire con i partecipanti pubblicando nuovi aggiornamenti. Organizzando eventi assiduamente puoi affermarti come una figura importante e attiva nella tua community.

# 15 Investi in pubblicità a pagamento per aumentare le connessioni e migliorare il tuo marchio personale

È difficile connettersi con un pubblico senza investire in pubblicità. 

Che si tratti di Facebook, Twitter o LinkedIn, per aumentare le connessioni, accrescere la reputazione e migliorare il profilo personale bisogna fare advertising. 

Facebook da la possibilità di impostare le tue campagne di personal branding in base agli obiettivi che intendi raggiungere, definendo il pubblico da intercettare in base a criteri specifici ed impostando un budget di spesa definito.

Se utilizzi in modo strategico i contenuti, promuovendoli e rivolgendoti alle persone giuste, le tue connessioni aumenteranno e il tuo marchio personale ne uscirà potenziato.

Conclusione

Abbiamo evidenziato quali sono i principali elementi da tenere in considerazione nel costruire e promuovere un marchio personale attraverso Facebook. Se volessimo racchiudere tutti i “tips and tricks” in una parola d’ordine, questa potrebbe essere “scelta strategica”: lo deve essere l’immagine che comunichiamo, il gruppo di utenti con i quali la condividiamo e le informazioni che utilizziamo per coinvolgerli. Aprire un profilo social richiede uno sforzo minimo: elevarlo ad efficace strumento di personal branding, al contrario, significa impegno, consapevolezza e puntuale costanza.

Servizi BrandMe

I nostri servizi gestiti interamente da un team di professionisti sono stati pensati per chi come te ha già altro da fare.

Il fai da te in questo campo non funziona. Esistono degli ottimi libri e dei corsi eccellenti  ma se davvero gestisci un’impresa non avrai mai il tempo di fare nemmeno una frazione di quello che sarebbe necessario fare per avere dei risultati apprezzabili sui social.

Un team di specialisti che gestisce in outsourcing i tuoi profili social costa, è vero. Ma di certo costa meno del tempo che dovresti dedicarci in prima persona o dei danni di reputazione che potrebbe causarti affidare questo incarico al famigerato “cuggino” o all’immancabile tuttofare aziendale e, in termini di sviloppo di mercato e di apertura a nuove opportunità il vero costo è restare pressochè invisibili in rete.

Quick Start

Se vai di fretta o non sai quali servizi sono i più indicati per te, puoi utilizzare il modulo Quik Start per ricevere tutte le informazioni che desideri sui nostri servizi e le modalità di erogazione. La compilazione del form richiede non più di un minuto e non ti fa entrare in nessun funnel o mailing list.

Chiudi il menu
Share This