Personal Branding on Instagram: Tips & Tricks

Personal Branding on Instagram: Tips & Tricks

Premessa

Fare Personal Branding sui social media è un’attività cruciale per imprenditori e manager. 

Secondo una ricerca commissionata da MarkMonitor, società del gruppo Clarivate Analytics, a Vitreous World, condotta su un campione di 2.603 individui provenienti da Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti, quasi un terzo dei consumatori utilizza i social per fare acquisti. 

Ciò nonostante, più del 90% sostiene di avere importanti timori e perplessità in materia.

Questo perché, al giorno d’oggi, gli utenti – potenziali consumatori – vogliono interagire con persone e non con entità senza volto, vogliono costruire relazioni di fiducia e rapportarsi con i brand a livello umano.

Ecco che, quindi, entrano in gioco una serie di attività volte a promuovere, più che le aziende, i marchi personali di chi ne fa parte, per instaurare legami, accrescere la reputation ed instaurare rapporti basati sulla fiducia reciproca.

Instagram come strumento di Personal Branding

Ma non solo Facebook e Linkedin, anche Instagram rappresenta un ottimo strumento di Personal Branding. 

Per capirne il motivo, basta dare i numeri.

Utenti attivi

Secondo il Report Digital 2019 di Hootsuite e We Are Social, il 55% degli utenti internet italiani utilizza Instagram (dopo YouTube e Facebook).

La maggior parte degli utilizzatori ne è diventata veramente addicted, soprattutto negli ultimi due anni, e anche in questo caso le Stories hanno avuto un ruolo chiave. 

Basti pensare che a febbraio 2016 gli utenti erano 9 milioni, mentre a giugno 2017, dopo poco più di un anno, sono passati a 14 milioni, con un aumento del 55%. A settembre 2018, 19 milioni.

Advertising & Business

Ma quali sono i dati relativi ad aziende ed account business? E quanti potenziali clienti possono essere intercettati attraverso Instagram?

Aziende

Secondo i dati relativi a marzo 2017, gli utenti che si affidavano ogni mese agli Instagram Ads erano un milione. Solo sei mesi prima, a settembre 2016, erano esattamente la metà. Impressionante. Soprattutto se pensiamo che invece, sei mesi dopo, quindi a settembre 2017, gli advertiser attivi mensilmente nel mondo erano 2 milioni.

E non c’è da stupirsi, perché, a novembre 2017, i profili Business erano 25 milioni; mentre l’audience di Instagram raggiungibile dalla pubblicità, a gennaio 2019, era stimata intorno agli 895 milioni di utenti attivi mensili. 

Potenziali clienti

Secondo quanto emerge dai dati di marzo 2017, l’80% degli utenti segue il profilo di un’azienda.

A dicembre 2016, solo 3 mesi prima, questa percentuale era invece del 70%. Un aumento rapidissimo, dovuto anche alla diffusione degli account business (introdotti a luglio 2016 negli USA e poi estesi a tutti). 

Ed ancora, a novembre 2017 erano 200 milioni gli utenti che visualizzavano un profilo Business almeno una volta al giorno.

Secondo i dati relativi a marzo 2017, un terzo delle Storie più visualizzate proveniva proveniva proprio da un account aziendale.

Un numero destinato a crescere esponenzialmente da gennaio 2017, quando le Ads sono state introdotte nelle Stories. 

Tips & Tricks

Credo fermamente che questi dati ti abbiano dato delle giuste motivazioni per intraprendere attività di Personal Branding su Instagram, ma se non sai da dove cominciare ecco qualche consiglio utile per promuovere il tuo marchio personale sulla piattaforma visual più utilizzata di sempre.

# 1 Presentati al meglio

Nome utente

Da non confondere con il nome dell’account, che può ricondurre alla tua attività o azienda, il nome utente è un elemento generalmente preso poco in considerazione.

Quello che ti consiglio di fare, invece, è di differenziare il nome utente da quello account, non solo perché in questo modo avrai un campo in più da sfruttare per comunicare qualcosa, ma anche perché rappresenta la tua firma e uno degli elementi fondamentali per posizionare il tuo marchio personale nella mente dei tuoi interlocutori.

Semplice, memorabile e facilmente comunicabile.

Biografia

Considera la tua biografia come un biglietto da visita. Aiuta gli utenti a capire, in pochi secondi, chi sei e cosa fai. 

Descrivi brevemente, e in maniera estremamente chiara, di cosa ti occupi e quali sono i tuoi valori, ma non esagerare: queste poche righe a disposizione non sono il luogo adatto ad una promozione diretta del tuo marchio personale. 

Instagram, inoltre, ti da la possibilità di aggiungere un link al tuo sito Web o blog. Utilizza questo spazio inserendo un collegamento pertinente, che aiuti le persone a scoprire qualcosa in più su di te e sulla tua attività.

Infine, considera la possibilità di inserire alcune parole chiave nella tua biografia che possano aiutare il tuo profilo a posizionarsi in alto nei risultati di ricerca.

Foto profilo

La foto profilo è uno dei fattori più importanti per la creazione di un marchio personale su Instagram. Proprio come la tua biografia, serve allo scopo specifico di mostrare la tua personalità e la passione che metti nel tuo lavoro.

Ad esempio, un’agente di viaggio che sta cercando di sviluppare il proprio marchio personale utilizzerà lo scatto di una destinazione esotica. Allo stesso modo, un fotografo può inserire un’immagine che ritrae se stesso con una macchina fotografica.

Ricorda, la foto profilo appare proprio sopra la biografia, quindi è necessario che l’immagine scelta e la descrizione impostata siano coerenti.

# 2 Cura il tuo feed

I contenuti che pubblichi, ovviamente, hanno un ruolo fondamentale nella costruzione del tuo marchio personale. 

Molti imprenditori e manager spesso utilizzano due account, uno personale in cui pubblicano contenuti relativi alla loro vita privata, ed uno professionale, dedicato alla loro attività ed al loro personal branding.

Tuttavia, molti account Instagram “professionali” spesso mancano di una cosa importante: la personalità del proprietario. Invece di cercare di tenere separate le cose, quindi, ti suggerisco di fondere questi due mondi in un unico account: una sorta di ibrido tra profilo personale e account aziendale.

Per fare ciò, però, è necessario che le immagini ed i video che condividi non appaiano estremamente amatoriali; ecco perché è fondamentale perfezionale le tue abilità fotografiche e di post-produzione. Esistono molti tool che possono aiutarti nel photo e video editing – Canva ad esempio -, ma se disponi di un budget abbastanza sostanzioso potresti prendere in considerazione l’assunzione di un fotografo.

Indipendentemente da chi svilupperà i contenuti a livello operativo, però, i post devono apparire visivamente accattivanti: Instagram è una piattaforma visiva e se i tuoi media non avranno un bell’aspetto, nessuno vorrà seguirti.

Tuttavia, gli elementi visivi non sono le uniche cose che contano. Devi anche focalizzare la tua attenzione sulle didascalie. Le descrizioni che accompagnano i tuoi scatti devono integrare gli elementi visivi in modo coerente e coinvolgere il tuo pubblico. 

Puoi anche includere Call To Action per invogliare i tuoi follower ad interagire con i tuoi contenuti o compiere una determinata azione, come ad esempio atterrare sulla pagina del tuo blog.

# 3 Sfrutta il potenziale degli hashtag, con intelligenza

Gli hashtag sono parte integrante di Instagram e possono tornare molto utili quando svolgi attività di Personal Branding.

Aiutano gli utenti a scoprire i contenuti a cui sono interessati e, di conseguenza, a scoprire il tuo profilo. Per questo è importante che gli hashtag che utilizzi non solo siano popolari ma anche pertinenti al tuo target obiettivo.

Tuttavia, devi utilizzarli con intelligenza. Prova a trovare quelli in trend, ma che non siano eccessivamente utilizzati, rischieresti, altrimenti, di perdere il tuo contenuto tra milioni di altri post. D’altra parte, potrebbero esserci hashtag impopolari che difficilmente vengono seguiti. Devi trovare il giusto equilibrio. A tal proposito puoi utilizzare strumenti come Hashtagify.

Inoltre, dovresti prendere in considerazione la creazione di hashtag brandizzati. Questi possono funzionare come un ottimo modo per rafforzare il tuo personal brand. Usali in tutti i tuoi post e incoraggia i tuoi follower a inserirli nelle loro didascalie. Quando l’hashtag guadagna trazione, lo stesso vale per il tuo marchio personale. 

Se riesci a rendere popolare il tuo hashtag brandizzato, potresti essere in grado di ottenere anche più follower.

# 4 Sfrutta le Instagram Stories e IGTV

Come accennato in precedenza, milioni di persone guardano quotidianamente le Instagram Stories. Un ottimo motivo per utilizzarle ed intercettare un pubblico ampio e diversificato. 

A differenza delle foto, le storie possono avere un aspetto più “casual”, essendo uno strumento spesso utilizzato per contenuti prodotti in real time. Puoi anche avviare video live ed interagire con i tuoi follower in tempo reale.

Usale per condividere aggiornamenti o stimolare curiosità su futuri contenuti che pubblicherai successivamente nel feed.

Oltre alle storie di Instagram, dovresti anche considerare l’utilizzo di IGTV. Attraverso questa modalità, è possibile creare facilmente video che possono durare fino a 60 minuti. Sebbene non sia così popolare come le Storie di Instagram, IGTV può aiutarti ad implementare le tue attività di Personal Branding. Non è necessario creare questi video regolarmente ma è possibile pubblicarli di tanto in tanto.

# 5 Calendarizza le tue pubblicazioni

Oltre alla qualità dei tuoi post, conta anche la quantità. 

Devi pubblicare regolarmente e creare coerenza; anche qui, si tratta di trovare il giusto equilibrio.

Pubblica troppo e i tuoi follower si sentiranno invasi in modo schiacciante dai tuoi contenuti, fai l’esatto contrario e potrebbero smettere di notarti.

Devi trovare il giusto numero di post che ti consenta di mantenere il tuo pubblico interessato senza infastidirlo. 

Idealmente, dovresti considerare di pubblicare su Instagram una volta al giorno. Non solo questo ti aiuta a rimanere pertinente, ma ti impedisce anche di inondare i feed del tuo pubblico.

# 6 Interagisci e promuovi

Questo passaggio è particolarmente importante se vuoi crescere e diffondere il tuo marchio personale. Pubblicare contenuti coinvolgenti e pertinenti in modo regolare non basta, è necessario promuoverli per consentire al pubblico di vederli ed interagire con essi.

Prenditi il ​​tuo tempo per rispondere ai commenti e partecipare alle conversazioni che sorgono all’interno dei tuoi post. Puoi persino avviare queste conversazioni da solo. Più il tuo pubblico interagisce, più aumenti il ​​tuo coinvolgimento e più sei in grado di raggiungere altri utenti. Contatta gli influencer chiave nel tuo campo e invitali a partecipare alle tue conversazioni.

Se hai altri account di social media attivi, come Facebook e Twitter, considera la possibilità di promuovere il tuo account Instagram su queste altre piattaforme. Devi far conoscere a quante più persone possibile l’esistenza del tuo account Instagram e del tuo marchio personale. Usa il tuo blog, se ne hai uno, per promuovere te stesso e creare un flusso tra pagine web e social media. 

Più piattaforme utilizzi, più persone raggiungerai e più popolare sarà il tuo marchio.

Ciò significa che non devi mai dare per scontato che le tue connessioni vedano tutti i tuoi post. Per questo è necessario uno sforzo costante. Non solo pubblicare contenuti su base regolare ti aiuta a rimanere nella mente dei tuoi interlocutori, ma l’algoritmo LinkedIn premia chi pubblica costantemente contenuti di qualità.

# 7 Usa i messaggi diretti

Usa i messaggi diretti per interagire con i tuoi interlocutori o partner strategici. Puoi chiedere loro di ripubblicare i tuoi contenuti e anche di restituire il favore. 

Se condividete le stesse idee, potreste vicendevolmente beneficiare dei vostri follower attivando delle collaborazioni o partnership.

Conclusione

Ora hai tutte le dritte necessarie per promuovere il tuo marchio personale su Instagram. Ma ricorda: la persona che mostri sui social media può in definitiva determinare il corso di tutta la tua carriera; influenzerà il pubblico che sei in grado di attirare e ti aiuterà a stabilire credibilità nel tuo settore di riferimento.

Autenticità, professionalità e dedizione sono le chiavi del successo, non solo nella vita reale ma anche in quella digitale.

Servizi BrandMe

I nostri servizi gestiti interamente da un team di professionisti sono stati pensati per chi come te ha già altro da fare.

Il fai da te in questo campo non funziona. Esistono degli ottimi libri e dei corsi eccellenti  ma se davvero gestisci un’impresa non avrai mai il tempo di fare nemmeno una frazione di quello che sarebbe necessario fare per avere dei risultati apprezzabili sui social.

Un team di specialisti che gestisce in outsourcing i tuoi profili social costa, è vero. Ma di certo costa meno del tempo che dovresti dedicarci in prima persona o dei danni di reputazione che potrebbe causarti affidare questo incarico al famigerato “cuggino” o all’immancabile tuttofare aziendale e, in termini di sviloppo di mercato e di apertura a nuove opportunità il vero costo è restare pressochè invisibili in rete.

Quick Start

Se vai di fretta o non sai quali servizi sono i più indicati per te, puoi utilizzare il modulo Quik Start per ricevere tutte le informazioni che desideri sui nostri servizi e le modalità di erogazione. La compilazione del form richiede non più di un minuto e non ti fa entrare in nessun funnel o mailing list.

Chiudi il menu
Share This