Social Media Marketing 1

Social Media Marketing

La seconda generazione di strumenti on line più adatti a fare marketing predilige nettamente l’utilizzo dei social media. Anzi, ad essere un po’ cinici, ci sarebbe da dire che i social media si sono già divorati tutto l’altro marketing.

Tutte le aziende orientate al mercato hanno visto nell’utilizzo dei social media un mezzo straordinario per trovare e connettersi con clienti o utenti abituali e potenziali e così si è assistito ad un proliferare di pagine Facebook e LinkedIn account business su Twitter, Instagram, Pinterest, YouTube e in pratica su ogni altro social network di rilievo.

L’aspetto dei social network più apprezzato dai marketer è che sono veloci, producono risultati semplici da misurare e costano relativamente poco, o meglio, hanno dei costi prevedibili e facili da controllare.

Nelle attività di personal branding e professional networking poi, le piattaforme social, se usate con perizia non necessitano nemmeno di particolari investimenti per essere efficaci. 

In realtà i social network funzionano così bene nel fare marketing che in per molti aspetti stanno perdendo la loro funzione originale, quella appunto di “rete sociale”.

Nella loro trasformazione le reti sociali sono sempre meno dei gruppi di individui connessi da interessi comuni e sempre più dei cluster di prospetti o consumatori.

Non sappiamo se questa trasformazione sia un bene, ma di certo sappiamo che non considerare questa evoluzione crea uno svantaggio sia alle Imprese che ai singoli Professionisti che la ignorano.

Imprese social-pigre

Se non pigre, quantomeno confuse, molte aziende gestiscono i loro social come se fossero dei siti internet di vetrina e si ritrovano così con delle “community” dove non sono attivi nemmeno i loro manager (non parliamo dei clienti) e con un livello di interazione spesso prossimo allo zero.

Professionisti social-assenti

La pressoché totale assenza di attività sui social da parte di professionisti e manager già impegnati a fare altro – generalmente il loro lavoro – ha generato un paradosso: persone autorevoli in rete che però non hanno nessuna attività di rilievo nel mondo reale e, per contro, una moltitudine di Professionisti, Imprenditori e Manager di aziende eccellenti che non hanno nessuna rilevanza in rete.

Il marketing è cambiato

Per quanto incredibile molte aziende non si sono ancora accorte che la quasi totalità dei loro stakeholder si guadano bene dal navigare il loro sito internet più di una volta nell’intera durata della relazione professionale e che, ultimamente, evitano accuratamente di aprire gran parte delle mail che non hanno richiesto espressamente.

Per i singoli Professionisti o Manager il discorso non è molto diverso da quello delle aziende ancora ancorate alle migliori pratiche di un tempo che fu e continuano così ad operare seguendo delle best practice di un mondo che non c’è più.

Non tutti tengono il passo

Come ogni evoluzione anche quella dei social media crea scompiglio, sovverte le gerarchie e crea nuovi vincitori (e vinti).

L’effetto dirompente che le piattaforme social stanno avendo sul marketing delle aziende e sulla rilevanza dei Professionisti è tale da poter affermare che il loro corretto utilizzo rappresenta il prossimo gradino evolutivo con cui dovranno confrontarsi Imprenditori e Manager in ogni mercato e in ogni settore.

Strumenti per valutare il tuo uso dei social media

Senza inscriverti a nessuna mailing list e senza entrare in nessun funnel puoi utilizzare questi strumenti gratuiti per valutare il tuo livello e capacità di utilizzo delle principali piattaforme social.

Chiudi il menu