Video Marketing & Personal Branding

Video Marketing & Personal Branding

Premessa

In questi ultimi anni, il marketing ha subito una trasformazione profonda, non solo in relazione all’introduzione di nuovi canali, come ad esempio i social media, ma anche in riguardo al formato dei contenuti e alle modalità di fruizione degli stessi.

Blog e siti web sono ancora fondamentali per fornire informazioni, i social media sono lo strumento ideale per creare engagement, ma è il modo in cui vengono veicolati i contenuti che cambia le regole del gioco. 

A tal proposito, uno dei formati che sta spopolando negli ultimi anni è il video.

Ma perchè i video sono così popolari?

Il successo del formato video va ricercato nelle emergenti abitudini e necessità degli utenti.

L’accesso immediato alle informazioni, la mancanza di tempo, l’ossessione per il multi-tasking e gli intervalli di attenzione sempre più brevi, creano lo scenario ideale per il proliferare di contenuti coinvolgenti, semplici, on-demand, disponibili su tutti i device e facilmente assimilabili: i video, per l’appunto.

Inoltre, versatile ed accattivante, il video non solo da all’utente la percezione di assistere a qualcosa di reale e poco costruito, ma è anche un contenuto facile da condividere su più piattaforme. 

Se, quindi, agli utenti piacciono perché poco impegnativi e molto coinvolgenti, i marketers amano i video perché consentono il raggiungimento di risultati positivi non solo in termini di engagement ma anche di ROI. 

Ma arriviamo al punto.

Cos è il Video Marketing?

Il termine è già di per sé molto intuitivo e non ha bisogno di molte spiegazioni, ad ogni modo per Video Marketing si intende l’insieme di regole, tecniche e strategie di comunicazione legate ai contenuti video.

Può essere utilizzato per raggiungere molteplici obiettivi: dalla creazione di community, alla promozione di brand, servizi o prodotti. 

Inoltre, il Video Marketing può essere una strategia utile a presentare caratteristiche, funzionalità e modalità d’uso di prodotti e servizi; divulgare le testimonianze dei clienti; creare eventi in diretta streaming e sviluppare contenuti virali.

Ma se una foto vale più di mille parole, allora quanto è prezioso il video? 

Saranno i numeri a rispondere a questa domanda.

I numeri del Video Marketing

Mentre leggi questo articolo, contemporaneamente molte persone sono connesse con i loro device – tablet, cellulari e computer – alla ricerca di informazioni di qualsivoglia genere; una volta trovate le risposte alle loro domande, però, non sempre hanno l’energia, e la voglia, di visualizzare contenuti testuali. 

Per questo motivo, i video possono essere quello di cui hanno bisogno.

Ma lasciamo che siano i dati a parlare. 

A tal proposito, Breadnbeyond, explainer video company di successo, ha raccolto una serie di dati e statistiche che analizzano il fenomeno dei contenuti video sotto molteplici punti di vista.

Video Usage

Negli ultimi tre anni abbiamo assistito ad una crescita esponenziale dell’utilizzo del formato video:

  • il 78% delle persone intervistate guarda video online ogni settimana, il 55% di questi lo fa ogni giorno;
  • il 54% dei consumatori vorrebbe più contenuti video;
  • gli utenti spendono l’88% di tempo in più navigando su un sito che ha contenuti video;
  • il 72% dei consumatori utilizza i video per imparare ad utilizzare un prodotto piuttosto che leggere le istruzioni;
  • le persone sono 1.5 volte più propense a guardare video utilizzando i cellulari.

Social Video

Oggi, gli utenti sono più coinvolti da contenuti multimediali piuttosto che statici.

Gli ultimi trend, infatti, mostrano come i video vengano visualizzati più volentieri rispetto ai contenuti testuali, spesso “skippati”.

Ma vediamo come si comportano utenti e marketers sulle singole piattaforme.

YouTube

Fondata nel 2005, YouTube è la piattaforma web 2.0 di condivisione e visualizzazione di contenuti multimediali, più visitata. 

Il sito, infatti, in quanto a popolarità è secondo solo a Google.

Ecco cosa dicono le statistiche:

  • in totale, gli utenti visualizzano 1 miliardo di ore di video al giorno e più della metà delle visualizzazioni su YouTube avviene tramite device mobili;
  • la visualizzazione media di un contenuto video attraverso il mobile dura più di 40 minuti;
  • ogni anno la ricerca di tutorial , i famosi “how to”, cresce del 70%;
  • ogni minuto vengono caricate in totale 300 ore di video;
  • il 78% dei marketers utilizza YouTube come canale di comunicazione standard.

Facebook

Facebook è conosciuto come il più importante social media al mondo. 

Per questo motivo è la piattaforma più utilizzata dai digital marketers per raggiungere i consumatori.

Ma vediamo come si comportano gli utenti:

  • ogni giorno, 75 milioni di utenti visitano la piattaforma visualizzando, in media, 8 miliardi di video;
  • i post che contengono un video hanno un tasso di coinvolgimento più alto del 13,9% rispetto ai contenuti statici, è bene sapere, però, che l’85% degli utilizzatori preferisce visualizzare i contenuti senza audio;
  • l’81% delle aziende preferisce utilizzare Facebook per implementare le proprie strategie di Video Marketing.

Instagram

Nata come piattaforma di photo-sharing, Instagram è oggi molto utilizzata dalle aziende per sviluppare attività di brand storytelling.

Ogni mese gli utenti attivi raggiungono gli 800 milioni, il che rappresenta una grande opportunità per aziende e professionisti che vogliono raccontarsi e proporre i propri contenuti.

Basti pensare che Instagram, rispetto ad altri social media, ha registrato una delle crescite più significative per quanto riguarda la capacità di guidare i consumatori verso la conversione: dal 31% del 2017 al 48% nel 2018.

Diamo un’occhiata ai numeri:

  • il 65% delle impression, ovvero delle visualizzazioni, proviene da contenuti video; 
  • il 75% degli utenti prende decisioni d’acquisto dopo aver visualizzato il video di un brand (questo dato include il click sul bottone “checkout”);
  • il 72% dei consumatori effettua un acquisto dopo aver visualizzato un’inserzione video.

Twitter

Parte della crescita di Twitter, nota piattaforma di microblogging, è da attribuire all’inserimento dei contenuti video, ormai parte centrale del servizio offerto. Infatti:

  • l’82% degli utilizzatori visualizza principalmente contenuti video;
  • il 45% degli utilizzatori vuole vedere più video di celebrità;
  • il 90% dei video sono visualizzati tramite mobile;
  • il 72% dei video marketer utilizza Twitter come canale, e l’84% di questi lo ritiene particolarmente performante.

LinkedIn

LinkedIn si differenzia dalle altre piattaforme per il suo networking professionale. 

Per alcuni business rappresenta, infatti, una delle migliori piattaforme per promuovere i propri contenuti.

In particolare, per quanto riguarda i contenuti multimediali:

  • le campagne video hanno una view rate dell’82%;
  • il 51% dei video marketer usa questa piattaforma, e l’84% di questi è pienamente soddisfatto delle performance delle proprie campagne.

Ok, ora abbiamo dato proprio i numeri, ma in pratica, quali sono i vantaggi derivanti dal Video Marketing?

7 benefici del Video Marketing

#1 Cattura l'occhio del consumatore

È stato dimostrato che i contenuti video attirano maggiormente l’attenzione dei consumatori rispetto ad altre forme di contenuto, il 65% dei visualizzatori, infatti, guarda più di tre quarti di un video, un tempo significativamente maggiore rispetto a quello dedicato ai contenuti testuali. 

Ma attenzione, lo stato attuale del content marketing è altamente competitivo, perciò devi rendere i tuoi video accattivanti affinché vengano visualizzati.

#2 Mostra caratteristiche e funzionalità della tua offerta

Sapevi che i consumatori preferiscono quattro volte di più guardare un video su un prodotto piuttosto che leggere contenuti a riguardo? 

Se stai promuovendo un nuovo prodotto o servizio, prova a creare un video per mostrarne caratteristiche e funzionalità, il 98% degli utenti utilizza questo formato per reperire maggiori informazioni su qualcosa che vogliono acquistare o che hanno appena comprato.

#3 Fornisce dati e metriche

Sai quanti dei tuoi ultimi post sul blog vengono effettivamente letti? Gli utenti hanno letto solo il primo paragrafo oppure hanno resistito fino alla fine? Hanno condiviso il contenuto con gli amici? 

La performance e l’efficacia di un contenuto testuale sono incredibilmente difficili da misurare.

Quando si tratta di contenuti video, invece, sei in grado di misurare le percentuali di clic, il numero di volte in cui qualcuno visualizza un video e persino il punto in cui ha smesso di guardare.

Avere queste informazioni a tua disposizione ti consente di capire cosa funziona e cosa no e come migliorare la tua content strategy futura.

#4 Migliora le percentuali di apertura e di click

Hai lavorato duramente a una campagna di email marketing e hai fornito al tuo pubblico tutte le informazioni importanti di cui hanno bisogno, ma i destinatari le apriranno e le leggeranno? Funzionerà nel modo desiderato?

Prova a utilizzare i contenuti video per aumentare le tue iniziative di marketing via email. Un’altra potente statistica: l’uso della parola “video” all’interno dell’oggetto aumenta il tasso di apertura del 19% e le percentuali di clic del 65%.

#5 Migliora la SEO

Includere contenuti video sul tuo sito web aiuta ad aumentare il tempo di permanenza dei visitatori, il che determina dei vantaggi dal punto di vista SEO: maggior tempo trascorso sul tuo sito crea un livello più elevato di fiducia da parte dei motori di ricerca e segnala loro la presenza di contenuti di qualità.

Di conseguenza, hai 53 volte più probabilità di posizionarti in vetta alla SERP di Google se hai un video incorporato nel tuo sito web. 

Inoltre, poiché Google possiede YouTube, includere un contenuto multimediale all’interno del tuo sito web aumenta in modo significativo l’effetto positivo sul ranking dei motori di ricerca.

Assicurati di ottimizzare a livello SEO i tuoi contenuti video su YouTube. 

Cura titoli e descrizioni, aggiungi collegamenti al tuo sito e includi qualsiasi altra informazione importante che il tuo pubblico dovrebbe conoscere sui prodotti o servizi che stai promuovendo o qualsiasi informazione sia in linea con la premessa del video.

#6 Crea connessione emotiva e genera fiducia

L’obiettivo del marketing è quello di creare relazioni a lungo termine basate sulla fiducia dei tuoi consumatori. 

Ed il video, oltre ad essere uno strumento in grado di creare connessioni affidabili, è una forma di contenuto incredibilmente potente in grado di evocare forti emozioni più di qualsiasi altro mezzo. 

Questo formato multimediale consente di usare a proprio vantaggio il tono della voce, le espressioni facciali e la musica di sottofondo. 

Elementi che non puoi sfruttare con un post o un’infografica.

Il tuo pubblico potrebbe non rispondere immediatamente a un video di forte impatto emotivo, ma probabilmente lo ricorderà in modi inconsci e penserà a quel contenuto quando il prodotto o il servizio diventerà più pertinente alle sue esigenze.

#7 Genera conversioni

Una ricerca afferma che il 71% dei marketer sostiene che i tassi di conversione dei video superino di gran lunga gli altri sforzi di content marketing.

Inoltre, il 74% degli utenti che hanno guardato un video esplicativo su un prodotto alla fine lo ha acquistato.

Ma adesso entriamo nel vivo.

Video Marketing & Personal Branding

Grazie ai contenuti video, i tuoi interlocutori hanno una visione più chiara di chi sei e di quali siano i tuoi obiettivi; vedono il tuo volto ed ascoltano la tua voce; tutto ciò si traduce in un meccanismo in grado di stabilire un rapporto di fiducia che si instaura tra gli utenti ed il tuo marchio personale.

Ad esempio, il noto comico statunitense Russell Brand, personalità influente sui social media, utilizza i video per presentare i suoi contenuti in modo originale ed accattivante.

Le espressioni facciali, il tono di voce e il linguaggio del corpo danno ai suoi messaggi un carattere davvero distintivo e personale.

Vedi, anche se non sei Russell Brand, metterti davanti a una macchina fotografica può rivelarsi una grande mossa per promuovere in modo inusuale, ma efficace, il tuo marchio personale.

Così facendo, i tuoi interlocutori non leggeranno più un testo, ma ti guarderanno dritto negli occhi.

Il Video Marketing come strumento di Personal Branding

Senza ulteriori indugi, ecco come sfruttare l’incredibile potenza dei video per migliorare le prestazioni del tuo marchio personale.

Sviluppa una presentazione video su te stesso

La maggior parte delle pagine “Chi siamo” sono statiche. Bene, puoi cambiare le regole.

Considerando che la tua pagina di presentazione è una delle più visualizzate sul tuo sito web, aggiungere un piccolo tocco originale attraverso una presentazione video potrebbe rivelarsi una mossa vincente.

Inoltre, non pensare solo al tuo sito.

Tutte le piattaforme di social media stanno incoraggiando la produzione di contenuti multimediali, dando loro uno spazio maggiore rispetto a quelli testuali.

Ecco, dunque, cosa suggerisco: inizia a fare delle ricerche per documentarti sulle presentazioni video, ci sono molti dettagli da prendere in considerazione per coinvolgere i tuoi spettatori. I tuoi occhi, la tua voce, il linguaggio del corpo e le parole che pronunci hanno un impatto enorme sulla qualità della presentazione e sull’efficienza complessiva.

Acquisisci testimonianze video

I feedback sono essenziali per la tua strategia di Personal Branding, soprattutto se sei in cerca di nuovi clienti.

Ma non sempre il detto “Verba volant, scripta manent” ha il suo valore.

Non esiste, infatti, una prova effettiva della veridicità delle opinioni dei tuoi clienti, quindi la maggior parte di queste passa completamente inosservata o, comunque, non viene minimamente presa in considerazione.

Per questo, se riesci a raccogliere testimonianze video l’impatto che otterrai sarà molto più forte. 

Chiedi ai tuoi clienti di registrare pochi secondi in cui descrivono la loro esperienza con i tuoi prodotti o servizi, raccogli i feedback in un unico video e caricalo sul tuo sito o sulle tue piattaforme di social media.

Non solo questo contenuto potrebbe risultare divertente ed originale, ma anche più attendibile: difficilmente qualcuno mette la faccia quando mente.

Sviluppa pitch video

Ogni volta che devi intercettare nuovi interlocutori, puoi usare i video anziché i contenuti testuali. 

In questo modo, beneficerai di più cose.

Prima di tutto, i nuovi clienti o i potenziali partner che intercetterai apprezzeranno il tuo approccio immediato.

Inoltre, quando crei un video puoi personalizzare tutto in modo più accurato. Puoi usare gli occhi per suggerire la passione che metti in quello che fai o usare il tono di voce più appropriato allo stile comunicativo del tuo marchio personale.

Trasmettere emozioni attraverso i video è molto più semplice rispetto a qualsiasi altra forma di contenuto, quindi provalo il prima possibile.

Comunica attraverso i video

Stai comunicando solo tramite contenuti testuali?

Se la tua risposta è affermativa ecco un piccolo suggerimento: usa i messaggi video per interloquire con la tua community.

Telefonate e messaggi di testo sono attualmente i modi più utilizzati per comunicare in modo più rapido ed efficiente e, ad essere onesti, anche i più convenienti. 

Tuttavia, se hai grandi aspettative per il tuo marchio personale, è meglio iniziare a considerare le azioni che non sono poi “così facili”.

Quindi non trascurare la messaggistica video e le videochiamate.

Ogni volta che hai la possibilità di avvicinare un influencer, un cliente, un datore di lavoro o un professionista, suggerisci questo modo di comunicare meno convenzionale.

Sii fiducioso, ricettivo e coinvolto e farai un’ottima impressione.

Crea e distribuisci valore

Fare Personal Branding non significa solo fare in modo che il tuo marchio personale e le tue competenze vengano esaltati. 

Affinché i tuoi tratti siano pienamente riconosciuti, dovresti proporre qualcosa in più.

Devi sviluppare contenuti, colmi di informazioni preziose, che il tuo pubblico possa trovare utili.

Apparentemente, questo rappresenta un arduo lavoro ed è per questo che il content marketing viene spesso trascurato.

Tuttavia, se così pochi professionisti pubblicano materiale pertinente alla propria nicchia, non pensi che questo potrebbe essere un grosso vantaggio per la tua immagine?

Bisogna giocare d’astuzia.

Mostra alcuni momenti “dietro le quinte”

Hai mai pensato di dare ai tuoi interlocutori la possibilità di vederti lavorare?

Puoi filmarti, ad esempio, mentre lavori a un progetto stimolante.

Durante questo video, puoi condividere informazioni o mostrare le tue capacità di gestione e problem solving.

In questo modo, tutti i potenziali clienti e partner commerciali possono facilmente osservare le tue abilità, caratteristiche e potenzialità.

Conclusione

Ora hai tutte le informazioni necessarie per valutare l’inserimento di contenuti video all’interno della tua strategia di Personal Branding.

Prima di lasciarti sperimentare con la macchina da presa, però, voglio lasciarti qualche ultimo consiglio:

  1. Procurati i cosidetti “ferri del mestiere” per sviluppare i tuoi contenuti video in modo professionale e scegli il software di editing più adeguato alle tue esigenze;
  2. Pianifica i contenuti, individua i topic da trattare e pubblicali regolarmente sulle tue piattaforme. Ricorda, però, che gli intervalli di attenzione sono piuttosto brevi, quindi non dilungarti troppo con i tempi e arriva subito al dunque;
  3. Tieni traccia delle metriche e delle statistiche, per determinare quali video funzionano meglio e perché.

Bene, ora bando alle ciance. Ciak si gira!

Servizi BrandMe

I nostri servizi gestiti interamente da un team di professionisti sono stati pensati per chi come te ha già altro da fare.

Il fai da te in questo campo non funziona. Esistono degli ottimi libri e dei corsi eccellenti  ma se davvero gestisci un’impresa non avrai mai il tempo di fare nemmeno una frazione di quello che sarebbe necessario fare per avere dei risultati apprezzabili sui social.

Un team di specialisti che gestisce in outsourcing i tuoi profili social costa, è vero. Ma di certo costa meno del tempo che dovresti dedicarci in prima persona o dei danni di reputazione che potrebbe causarti affidare questo incarico al famigerato “cuggino” o all’immancabile tuttofare aziendale e, in termini di sviloppo di mercato e di apertura a nuove opportunità il vero costo è restare pressochè invisibili in rete.

Quick Start

Se vai di fretta o non sai quali servizi sono i più indicati per te, puoi utilizzare il modulo Quik Start per ricevere tutte le informazioni che desideri sui nostri servizi e le modalità di erogazione. La compilazione del form richiede non più di un minuto e non ti fa entrare in nessun funnel o mailing list.

Chiudi il menu